BLOG

Come fare un sito internet partendo da zero? Ecco tutti i passaggi

IN QUESTO ARTICOLO PARLEREMO DI

Forse stai pensando che sia arrivato il momento di creare il tuo sito web? Allora sei nel posto giusto. In questo articolo ti “farò entrare” dietro le quinte del mio lavoro di web designer e ti racconterò passo dopo passo come fare un sito internet partendo da zero.  Così sia che tu voglia costruire il sito da solo o affidarti a una professionista come me, hai più elementi per capire tutto il lavoro che c’è dietro. Ti darò, insomma, una sorta di guida per creare un sito web. Iniziamo?

Creare un sito da zero è come costruire una casa

Per me costruire un sito web è come edificare una casa con cura, mattone dopo mattone. Nella vita reale, prima di pensare a comprare il materiale necessario per costruirla, dobbiamo realizzare un progetto. Con un sito succede lo stesso, tutto inizia dalla progettazione. E da alcuni step che non possono assolutamente essere saltati. Vediamo insieme, quindi, uno per uno tutti i passaggi per creare un sito web.

1.

Decidere la strategia

Perché vogliamo un sito web? Quali obiettivi di business vogliamo raggiungere? Che cosa vogliamo ottenere dal nostro sito web? A chi ci vogliamo rivolgere? Le risposte a queste (e altre domande) sono indispensabili perché servono per delineare la strategia alla base del nostro progetto. Senza strategia c’è un alto rischio di realizzare un sito web poco efficace.

2.

Creare l’identità visiva

Non si può realizzare un sito internet senza un’identità visiva. Nella mia esperienza non puoi creare nulla, senza avere un’immagine di base che rappresenti la tua attività. Staresti facendo il percorso al contrario: comunicare senza sapere chi sei. Il mio consiglio è sempre iniziare da chi si è per poi comunicarlo agli altri attraverso un sito, i social, una newsletter…

3.

Stabilire l’alberatura

Definita la strategia e l’identità visiva, si può procedere a progettare l’alberatura del sito web, cioè la sua struttura. Anche in questo caso sfrutto il paragone con la casa perché penso che renda bene l’idea. Immagina di aprire la porta principale e di entrare nelle diverse stanze. Se la casa è ben progettata di sicuro potrai spostarti tra le camere senza problemi, avendo ben chiaro dove ti trovi. Con il sito web succede la stessa cosa, quindi occorre definirne la struttura in modo che per gli utenti sia semplice “navigarlo”.

4.

Progettare il layout grafico

I siti web che realizzo io sono personalizzati. Questo vuol dire che per ognuno studio il layout grafico che lo caratterizzerà. In questa fase bisogna quindi individuare lo stile, i colori e le font efficaci per esprimere l’essenza e del progetto. Ovviamente questo va fatto per la homepage ma anche per tutte le altre pagine del sito.

5.

Far realizzare testi e fotografie efficaci

Ci sono altri due elementi fondamentali per creare un sito web: i testi e le fotografie. I testi sono importanti per far arrivare il messaggio in maniera giusta al tuo pubblico e far capire a Google di cosa parla il tuo sito web (in particolare modo se sono ottimizzati per la SEO). Le fotografie servono, invece, a creare emozioni e dar vita a uno storytelling visivo. 

6.

Ragionare in ottica SEO

La SEO (Search Engine Optimization, o “ottimizzazione per i motori di ricerca” in italiano) serve a far capire a Google di cosa parla il nostro sito. Se il sito è impostato in ottica SEO, sarà più facile che compaia nei risultati di ricerca degli utenti. Ti consiglio, quindi, di ragionare in ottica SEO in particolare per la sua alberatura ma anche svolgere tutte le attività necessarie perché sia ottimizzato anche da un punto di vista tecnico.

7.

Scegliere l’hosting e il dominio

La scelta del dominio (cioè il nome dopo www) di solito coincide con il nome della nostra attività. Siccome molti domini sono già occupati, se ti viene in mente un’idea o prodotto, il mio suggerimento è di controllare subito se il dominio è libero. Puoi verificarlo qui.

Invece, l’hosting è lo spazio virtuale dove verrà ospitato il tuo sito web. Io lavoro con SiteGround che è un ottimo provider con un’ottima qualità rapporto/prezzo. Una cosa che trovo molto importante del loro servizio è il pannello di controllo per le diverse operazioni e l’assistenza via chat che ti aiuta a risolvere tanti problemi: non potrei farne a meno!

8.

Sviluppare il sito web

Manca un ultimo passaggio: la scelta della piattaforma con cui sviluppare il sito web. Io ho scelto WordPress perché è un CMS molto versatile che mi permette di creare siti personalizzati con molta flessibilità. Dopo che il sito web è online, i miei clienti hanno la possibilità di gestire alcune parte del sito come il blog in maniera semplice. Insieme a WordPress, utilizzo il builder Elementor, una scelta che ho compiuto, dopo un’accurata ricerca, per offrire la possibilità ai miei clienti di apportare semplici modifiche ai siti in maniera autonoma. La combinazione di questi due strumenti per me è la scelta vincente per la creazione di un sito web personalizzato.

Fare un sito internet a norma di legge

C’è ancora un argomento importante di cui parlare: gli aspetti legali. Il nostro sito web è il nostro negozio digitale online e deve rispettare le normative europee. Ci sono diversi aspetti che non possiamo trascurare: le pagine della privacy e cookie policy dove spieghiamo chi siamo, cosa facciamo con il sito e con i dati delle persone che lo utilizzano. Dobbiamo offrire anche ai nostri visitatori la possibilità di essere informati e di scegliere le preferenze attraverso un banner a norma con la GDPR.

Un altro aspetto importante, nel caso in cui si vendano prodotti fisici o digitali, è di inserire le condizioni di vendita, in modo da tutelare noi e le persone che acquistano. Ti consiglio di parlare con il tuo legale di fiducia per approfondire questi argomenti in base alla tua attività.

Posso aprire un sito senza la partita Iva?

Se vendi prodotti fisici o digitali o servizi di qualunque tipo in Italia è un obbligo di legge inserire la partita Iva. Un commercialista saprà spiegarti nel dettaglio questo aspetto importante, dirti qual è la tua categoria merceologica e se devi iscriverti alla Camera di commercio o se devi sottostare ad altre norme legate alla tua attività.

Il nostro sito web pronto: si va online!

Finalmente hai compiuto tutti i passi per creare un sito web: è ora di andare online. Prima però occorre effettuare un collaudo, verificare cioè che tutto sia in ordine e non ci siano errori di ogni genere. Il sito viene collegato a Search Console per dire a Google di indicizzare il nostro sito, ovvero di inserirlo nel suo grande catalogo. Se uno lo desidera, perché ha in mente di svolgere campagne di marketing online o di tracciare l’andamento, si può collegare il sito anche  Google Analytics. Infine, si impostano le schede Yoast per la SEO del nostro sito, si leggono i cookie che verranno rilevati dal nostro banner e poi si va online!

Ho messo online il sito e adesso?

La messa online di un sito web è il primo traguardo di un lungo percorso. Devi pensare al sito web come un negozio online insieme a migliaia di altri negozi come il tuo. Una volta che abbiamo messo online il nostro sito il lavoro non è finito, anzi inizia uno nuovo.

Alimentare il nostro sito con contenuti di qualità aiuterà alla SEO per dare a Google più informazioni possibile, e come farlo? Con il blog.

Più persone visitano il nostro sito più possibilità abbiamo che navighino attraverso le nostre pagine. Come invitarle? Attraverso i nostri social. I social devono essere un mezzo per far conoscere il nostro sito.

Entrare in contatto con le persone in maniera più intima raccontando dei nostri prodotti, servizi, offerte, ecc. Come farlo? Scrivendo regolarmente una newsletter che è quello strumento con cui si tiene una relazione con le persone che già ci conoscono.

Per creare un sito internet ci vuole tanto lavoro

Spero che questa sintesi in cui ti ho illustrato come si crea un sito web ti abbia dato una panoramica di tutto il lavoro che c’è dietro. Parlo di sintesi perché il lavoro è molto più complesso se tu vuoi avere un sito web professionale e funzionale ai tuoi obiettivi. È importante che tu capisca che, dato che (a differenza dei social) è di tua proprietà, Ii sito web è lo strumento di vendita più importante per te e la tua attività. Ed è, quindi, fondamentale che sia costruito in maniera professionale.

Se hai bisogno di realizzare un sito web, parliamo insieme in una call gratuita. Sarei felice di aiutarti e di darti la possibilità di avere uno strumento così potente e unico per la tua attività.

Ti è piaciuto il mio articolo? Se ti va puoi condividerlo

Potrebbe interessarti….

classificazione font
degioro0408

Tipi di font: quali sono e come sceglierli

Font, carattere, carattere tipografico… sicuramente sono parole che hai già sentito o che usi abitualmente. In questo articolo parlo di loro, di come possiamo classificarli, quali scegliere nel caso di un logo o un sito web. Ti aspetto in questo post molto interessante!

LEGGI TUTTO >

SONO ROXANA

Mi piace scrivere del mio lavoro, perché per me è anche una grande passione. Nel mio blog parlo di visual branding, visual identity e web design, ma anche di creatività e ispirazioni. Se anche a te intessano questi argomenti, ti invito a leggere i miei articoli.

ARTICOLI PIÙ LETTI

Cerca

QUI SI PARLA DI

TI PIACEREBBE RIMANERE IN CONTATTO?
ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER
Per ringraziarti potrai scaricare la mia guida "Crea la tua prima Moodboard"